Home > Parco dell'Anfiteatro romano e Antiquarium "Alda Levi" > Gli Scavi urbani

Gli Scavi urbani

Scavi urbani nella zona dell'anfiteatro

L'adozione sistematica delle tecniche stratigrafiche per gli scavi nella città, dagli anni Ottanta del secolo scorso, ha fatto compiere progressi decisivi anche alla ricerca archeologica milanese.

Si è seguita una metodologia che consiste nell'analisi di tutte le evidenze identificabili sul terreno come risultati di attività umane, le cosiddette unità stratigrafiche, che devono essere numerate, documentate e scavate, dalla più recente alla più antica.

Dalla registrazione delle singole azioni, si passa poi all'elaborazione di sequenze di attività, attraverso le quali, con un complesso lavoro di interpretazione a carattere interdisciplinare, che coinvolge altre scienze quali la geologia, l'antropologia, la zoologia, la paleobotanica, la ricerca archivistica ecc., è possibile ricostruire le vicende di un sito.

Lo studio dei reperti (ceramiche, monete, intonaci dipinti, vetri, metalli) è la base per poter collegare la periodizzazione delle attività umane registrate sul sito a una cronologia assoluta affidabile. Ciò permette di inserire la ricostruzione delle fasi di sviluppo, delle trasformazioni dell'uso del suolo, dei periodi di floridezza economica, di espansione edilizia, di recessione, stasi e contrazione dell'abitato nel quadro dei grandi eventi storici.

Questo metodo, applicato a tutti gli interventi archeologici preventivi effettuati in città nel corso dei molti anni, in occasione di lavori edilizi di committenza pubblica e privata, ha consentito di effettuare valutazioni generalisulla consistenza e le caratteristiche della stratificazione archeologica di Milano.

Il sottosuolo della città, come un gigantesco archivio, è stato sfogliato alla ricerca di informazioni sulla vita degli abitanti:è stato possibile individuare le principali fasi di sviluppo della città dal periodo tardorepubblicano a quello tardoantico e documentarle graficamente in una sezione schematica della città, ciò ha permesso una rilettura e una migliore comprensione anche dei rinvenimenti fortuiti decontestualizzati e delle indagini condotte prima degli anni Ottanta.